Cinema -Piano Blues-

Oggi il cinema si tinge di blues… rivolgendo l’attenzione ad uno dei capitoli della raccolta di Martin Scorsese dedicata al blues. Qui vedremo in un unico film Charles Brown, Fats Domino, Ray Charles, Dave Brubeck, Dr. John, Oscar Peterson, Art Tatum, Professor Longhair, Pete Jolley, e tante altre leggende… imperdibile!!!

Piano Blues
di Clint Eastwood


Come vi sentireste vedendo Clint Eastwood duettare al pianoforte con Ray Charles? Esatto, proprio come mi sono sentito io, sono rimasto a bocca aperta di fronte a tanta grazia. Ma, a parte l’emozione per questo team up degno dell’immortale albo a fumetti Superman vs Cassius Clay, Piano Blues è una di quelle opere che riconcilia con le più svariate forme cinematografiche. Documentario strutturato con un rigore classico per il genere e allo stesso tempo film che riesce a mantenere una tensione degna di un thriller, visto il crescendo di leggende della musica che passa sullo schermo, quest’ultima tranche della serie dedicata alla più importante forma d’arte americana, prodotta e fortemente voluta da Martin Scorsese, è davvero la classica ciliegina sulla torta. Eastwood è da tempo uno degli autori più importanti del cinema americano ed è anche un esperto di blues e jazz, non meraviglia quindi la competenza con cui ci fa da cicerone attraverso questa galleria di veri e propri pionieri di un linguaggio a cui ha poi attinto la musica moderna dagli anni ’60 in poi. Ed è divertente e anomalo vedere il duro Clint conversare timido e rispettoso con tutti i grandi che incontra in questa viaggio attraverso l’utilizzo della tastiera d’avorio nel blues.

Segno ulteriore di quanto sensibile sia quest’attore che molti hanno sempre relegato al ruolo di pistolero col poncho o sbirro col pistolone e a che è invece molto più vicino al fotografo del National Geographic de “I ponti di Madison County“. Se dovessimo fare un confronto il documentarista e il regista, potremmo dire che Piano Blues è in realtà la base ritmica del cinema di Eastwood, un tempo che possiamo facilmente riscontrare soprattutto nei suoi due film più musicali, anche se per differenti ragioni, ovvero Potere assoluto e Mezzanotte nel giardino del bene e del male.
Piano Blues è uno di quei film da vedere per tante ragioni, soprattutto perché ognuno di noi dovrebbe cercare di arricchire le proprie conoscenze grazie all’arte del documentario, senza necessariamente aspettare che sia presentato da “Superquark”, e poi, naturalmente, perché Clint Eastwood è un regista che ha già un posto di diritto nell’Olimpo del cinema. Quindi tanto vale non perdersi neanche un pezzo della sua imprescindibile opera.

Alessandro De Simone

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...