Cinema di qualità…

Ottimo film, che lascia interrogativi aperti e utilizza un montaggio parecchio insolito, really interesting…

Le tre sepolture
di Tommy Lee Jones

Le tre sepoltureTommy Lee Jones, attore conosciuto per blockbuster come “Men in Black” e “Il fuggitivo”, si sposta dietro la macchina da presa per dirigere una storia realistica e metaforica insieme, un western moderno che mostra la brutalità e la connivenza della polizia texana con le guardie di frontiera ai danni dei clandestini messicani, sotto-persone che non hanno diritto né alla giustizia, né ad una sepoltura.
Così quando viene trovato ucciso Melquiades Estrada, cowboy messicano irregolare, la polizia locale non ci pensa neanche a cercare l’assassino. Non importa che tipo di persona sia stata Estrada in vita, è un messicano, un immigrato illegale, avrebbe potuto venir ucciso durante la traversata della frontiera e anche allora nessuno si sarebbe preso la briga di perseguire il suo omicida.
Non la pensa così Pete, texano dai lineamenti scolpiti, legato da sincera amicizia con il defunto, deciso a riportare il suo corpo in Messico, come gli aveva promesso tempo prima. Con loro andrà anche Mike, guardia di frontiera, autore dell’accidentale omicidio, rapito e ammanettato da Pete, costretto a vestire i panni, non solo in senso metaforico, della sua vittima.
Tutto il film è percorso da continue contrapposizioni: Texas e Messico, americani e immigrati, buoni e cattivi… la struttura stessa della pellicola è divisa nettamente a metà: nella prima parte vengono descritti i personaggi attraverso brevi flash, con una narrazione cronologicamente non lineare, dominata da colori freddi. Nella seconda, sicuramente stupenda visivamente, si assiste al road movie vero e proprio, i colori si fanno squillanti ed accesi. E antitetiche sono anche le personalità dei due protagonisti: mentre il messicano è uomo buono e timido, un sognatore alla Don Chisciotte, capace di regalare il suo miglior cavallo ad un amico, il gringo è un essere umano abbietto, senza sentimenti, incapace di amare, bravissimo Berry Pepper a rendere tutte le sfumature di questo personaggio fino al suo strazio finale. Tommy Lee Jones è riuscito a costruire un film solido, con sprazzi di humor nero e alcune sequenze bellissime, dove l’elemento descrittivo lascia posto ad una narrazione più sfumata ed evocativa.

Posted by Picasa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...