Un film stupendo – The constant gardener

The Constant Gardener – La cospirazione

Dopo il sublime “The City of God”, ci si aspettava molto dal regista brasiliano Fernando Meirelles, e vedere “The Costant Gardener” soddisfa ogni aspettativa. Il film è allo stesso tempo una storia d’amore, un thriller politico e un dramma riflessivo, ma nonostante tutto i confini tra generi sono impercettibili, mescolati in modo omogeneo da una fotografia superlativa.
Tessa è un’attivista politica che vive in Africa con suo marito Justin Quayle, membro dell’Alto Commissariato Britannico in Kenya. Un giorno Tessa viene trovata morta uccisa e il suo accompagnatore è sparito. Si pensa ad un omicidio passionale, e Justin è intenzionato a scoprire la verità. Ciò che colpisce guardando il film è l’uso della videocamera a mano, che si muove velocemente, insiste sui primi piani, torna indietro, rallenta, dando un ritmo veloce a tutto il film e puntando il suo interesse sulle emozioni, sui sentimenti.
La fotografia, diretta magistralmente da César Charlone, sottolinea le differenze culturali tra l’Africa, soleggiata e piena di colore, e l’Inghilterra fredda e triste avvolta nel suo grigiore. Poi c’è il bianco, che fa da sfondo alla nascita del legame tra i due protagonisti, come se volesse evidenziare il controllo della storia d’amore tra Tessa e Justin su tutto il film. Stupiscono e affascinano i suoni, ma soprattutto i mille colori che Meirelles riesce catturare in Africa, che sottolineano la dissonanza stridente di un popolo maltrattato dalla civilizzata Europa, eppur cosi allegro, solare e pieno di vita. E in effetti questo è il duro contrasto che si avverte visitando il Continente Nero, così meraviglioso nei luoghi, nella natura nella gente e nella cultura, tanto da generare una sindrome malinconica in chiunque l’abbia visto e non riesca a tornarvi.
Eppure al di là dei colori dell’Africa c’è l’ipersfruttamento occidentale, una speculazione talmente spinta al limite dell’etica, che getta in miseria la popolazione, che muore di fame, e a causa di malattie terribili, ma spesso curabili. È il caso degli investimenti delle case farmaceutiche per la ricerca sui medicinali, dell’utilizzo della popolazione indigena come cavie per la sperimentazione dei farmaci, e soprattutto l’esagerato costo delle medicine che le rende inaccessibili alla quasi totalità della gente, aggravando le epidemie di HIV, tubercolosi e malaria, che uccidono milioni di persone ogni giorno. Ed è proprio per scoprire fino a che punto le case farmaceutiche e il governo britannico sono implicate in questo sporco giro che Tessa compie delle indagini che probabilmente l’hanno portata alla morte.
Ma l’asse portante del film non è né il thriller, ne il dramma politico, ma l’amore tra i due protagonisti, Tessa e Justin, due persone così opposte, con atteggiamenti così diversi nei confronti della vita, ma con un legame così forte. Inizialmente Justin rimane quasi impassibile di fronte all’entusiasmo di sua moglie, freddo e austero come quell’Inghilterra che lui rappresenta, la cui unica passione è il giardinaggio. Quando però Tessa muore, quando si insinua che lei l’abbia tradito e che sia stato il suo amante a ucciderla, Justin decide di scoprire la verità, e mentre indaga ripercorrendo la vita di sua moglie, svela il mistero più grande: il suo amore, la sua passione, il suo entusiasmo per lei.
Ralph Fiennes, infine, ricopre magistralmente bene il ruolo del giardiniere tenace.
Monica Cabras

Uno dei più bei film degli ultimi visti…

 Posted by Picasa

One thought on “Un film stupendo – The constant gardener

  1. A me non ha fatto particolare impressione, l’ho trovato a tratti lento e didascalico, ho apprezzato alcune scene e la bravura degli attori, soprattutto della Weisz.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...