Le grand bleu – Luc Besson

Il mare in verticale invece che in orizzontale…
Un viaggio nelle profondità del mare e di se stessi…

L’unico protagonista di questa magnifica storia raccontata da Besson è il mare. Il mare con i suoi magnifici fondali, con i suoi misteri, con il suo accattivante profumo ed il suo inconfondibile colore. Jacques (Jean-Marc Barr) e Enzo (Jean Reno), sono due bambini che adorano il mare. Vivono in un’isoletta greca e si divertono a stabilire primati di permanenza sott’acqua. Da grandi, dopo essersi persi di vista per molti anni, si ritrovano ed iniziano una loro speciale ma spettacolare sfida nei fondali marini. Ad ogni record raggiunto da Jacques ne segue un altro di Enzo e viceversa, finchè non accade qualcosa… Jacques Mayol e Enzo Molinari (Enzo Maiorca), sono due personaggi forti, vivi, vibranti. Non lasciano spazio a molta immaginazione, li ritrovi lì sullo schermo e sono così ben definiti, delineati che non riesci ad immaginarli diversi. Il primo è un ragazzo bello, tecnicamente disciplinato, ma molto introverso, timido, a volte addirittura scontroso. Il secondo invece è il prototipo dell’italiano sbruffone, pieno di sé, tronfio, con poca tecnica ma tanta caparbietà. Eppure stanno bene insieme, sembrano quasi compensarsi, completarsi a vicenda. Tanto più uno è nostalgico, riservato, tanto più l’altro è fanfarone. Jacques sembra un tritone: il suo elemento è l’acqua, la sua famiglia i delfini. A lui riesce più facile nuotare che camminare, restare in silenzio piuttosto che parlare. Anche il suo rapporto con Johana (Rosanna Acquette) è difficile. Egli sembra quasi un asceta, è distaccato dal mondo reale, non riesce a gestire rapporti “normali”. Per lui è naturale capire i cetacei, non gli esseri umani. Enzo al contrario è carnale, non pensa ad altro che a mangiare e godersi la vita. Si compiace di essere il campione, ama la sfida, l’adrenalina. L’unico suo scopo è quello di restare il migliore, ma non per questo disdegna avversari validi, anzi cerca il migliore, Jacques.
Girato nel 1988, “Le grand bleu” è divenuto in Francia un film cult, mentre in Italia la sua uscita è stata osteggiata per anni da Enzo Maiorca, che ha dato il nulla osta dopo il suicidio dell’eterno amico-rivale Jacques Mayol.
Splendide la fotografia e la sceneggiatura, ottimi anche i dialoghi e le musiche. Il film punta molto, più che sugli effetti speciali, quasi del tutto assenti, sulla storia personale di Enzo e Jacques: è così particolare da sembrare sospesa nel tempo. I due protagonisti vivono delle emozioni così forti, hanno un legame così specifico da riuscire a trascendere lo spazio fisico, i limiti temporali.

 Posted by Picasa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...