Il nostro adulto…

Realista e disilluso ma speranzoso…


L’adulto della comunità di Sesso.
Si presenta come abbastanza disinformato sulle tematiche relative alla globalizzazione, benché sia consapevole che la globalizzazione incide nella sua vita quotidiana. La reputa inoltre un fenomeno inaresstabile, responsabile di una facilitazione-velocizzazione delle relazioni ma anche di una perdita dei legami sociali.
Realista al 100%, non lascia molto spazio ai sogni e ai desideri ma tende a partire dalla realtà dei fatti e ad essere pragmatico in ogni sua osservazione. Non pensa che qualcuno possa effettivamente cambiare la realtà o migliorare la situazione… perché “Tanto alla fine non cambia mai niente…”.
Tendenzialmente percepisce ogni cosa e situazione a partire dal lavoro e dall’economia (realtà in cui sente coinvolta la maggior parte della sua vita e del suo tempo), ma nonostante si dica così realista, non ha una vera adesione alla realtà: infatti la rilevanza che dà al lavoro e all’economia, rispetto alle altre cose, è quasi totale. Come se avesse l’impressione che ciò che conta nella vita “non è che sia solo il lavoro e l’economia… però se quello non va bene, anche tutto il resto va male”.
Il mondo che lo circonda gli appare ingiusto, nel senso che riconosce che “le cose così come vanno, non vanno bene”, tuttavia si sente impotente rispetto alle logiche che governano il mondo. Non può fare altro che adeguarsi e giocare secondo le regole della fretta, della produttività e del lavoro… cercando di vivere onestamente nel suo piccolo, con chi gli è attorno.
Di natura è diffidente verso l’estraneo e più orientato al conflitto che alla fiducia, in più sente di non aver tempo per vivere al meglio le relazioni.
Riconosce come molto buoni i volontari e chi dedica del proprio tempo agli altri, ma pensa siano pochissimi.
Sostanzialmente sente di aver già compiuto le scelte decisive per la sua vita, quindi non si percepisce in ricerca e non si pone molte domande.
Infine nonostante non abbia una visione molto rosea della realtà e benché non pensi di poterla cambiare… spera che le cose migliorino in futuro. In particolare la speranza è vista come peculiarità dell’adulto cristiano.
Perché, è vero: “Non cambia mai niente…” però… “Non si sa mai…”.

Elaborazione e riflessione a partitre da un questionario rivolto alla comunità,
a cura del gruppo giovanissimi della parrocchia di Sesso (RE).

One thought on “Il nostro adulto…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...