Funny Games

– Prché non ci uccidete subito e la fate finita?

– E che ne sarebbe dello spettacolo?

Scena per scena, quasi shot by shot, Funny Games di Michael Haneke è il remake in lingua inglese dell’omonimo film diretto dal regista austriaco nel 1997. Perché questa operazione di “copia carbone”? Perché, ipse dixit, il pubblico d’elezione dell’originale avrebbe – non è stato – dovuto essere quello Usa: “Funny Games nasceva quale reazione a un certo cinema americano, alla sua violenza, alla sua natura naïf, al suo modo di giocare con degli esseri umani”. Entrambe le versioni sono difficilmente dimenticabili, disturbanti, a infima digeribilità, nell’accezione cara al regista de La pianista, che ci costringeva alla visione delle auto-mutilazioni di Isabelle Huppert, e dello sfiancante e misterioso Caché. Haneke si conferma provetto manipolatore di emozioni, sadico serafico – ultimo alfiere di una stirpe che annovera mostri sacri quali Hitchcock e Kubrick – che qui stigmatizza l’exploitation hollywoodiana.

Funny Games ci presenta una coppia borghese di gusto e cultura, ora interpretata da Tim Roth e Naomi Watts (straordinaria), che arriva nella casa di vacanze al lago, con l’adorabile figlioletto (Devon Gearhart, ottimo esordiente) e il golden retriever Lucky (sic!): cadranno vittime di due ragazzi biondi, in completo da tennis e guanti bianchi (Michael Pitt, alla sua prova migliore, e Brady Corbet), che ci fanno immediatamente pensare ad Arancia meccanica e alla gioventù hitleriana. “Perché fate questo?” dirà Roth, con una gamba rotta, le mani legate e il terrore negli occhi; Pitt risponde parodiando le motivazioni solitamente addotte in casi – cinematografici – analoghi: infanzia infelice, instabilità sessuale, risentimento di classe, cattiva istruzione. Ragioni nonsense, per un film simulacro, copia di un originale che riesce a farci credere mai esistito: non è poco, anzi è moltissimo. E nel discorso finale dei due sadici su materia e anti-materia, fedelmente riportato, era già tutto il senso e la necessità di questo raddoppio: Games over.

cinematografo.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...