Tintinnabuli. . .

alina

Io potrei paragonare la mia musica ad una luce bianca che contiene tutti i colori“. (Arvo Pärt) È proprio così: la musica di Arvo Pärt, compositore nato in Estonia nel 1935, è una musica bianca, immersa nel silenzio. Questo è il suo fascino: il senso profondo delle pause, il respiro lento tra un suono e l’altro. Il vuoto acquista suprema importanza e quel momento in cui un suono lentamente scompare per fare spazio al successivo diventa un momento di trasformazione magica. Dice lo stesso Pärt: “Ho scoperto che è sufficiente una singola nota, suonata con grazia. Questa nota sola, o battito silenzioso, o momento di silenzio, mi conforta. Lavoro con pochissimi elementi – una voce, due voci. Compongo usando una semplice triade, e le tre note della triade sono come campane, e da qui il nome “tintinnabuli”. È questa la zona in cui mi muovo quando sono alla ricerca di una risposta – nella mia vita, nella mia musica, nel mio lavoro, nei miei momenti più bui. Ho la sensazione che tutto il resto all’infuori di questo non abbia significato… Resto qui da solo… con il silenzio”.

Lo stile chiamato “tintinnabuli” e inventato da Arvo Pärt, fece la sua prima apparizione in un breve pezzo per pianoforte chiamato “Für Alina” (1976) e successivamente in “Spiegel im Spiegel” (1978) per violino e pianoforte e per violoncello e pianoforte. E sono proprio questi due brani, alternati e poi nuovamente ripetuti, il contenuto musicale del cd ALINA. Sempre gli stessi due brani che si rincorrono cambiando colore in modo impercettibile ma continuo. Una strana scelta. Eppure si potrebbe stare le ore a seguire queste lente trasformazioni… così come si potrebbe stare delle ore ad osservare le onde del mare che si rincorrono o le nuvole mosse dal vento. Tutta la registrazione è giocata su una semplice triade eseguita lentamente e all’infinito: solamente tre note dell’accordo di si minore, mentre la melodia si svolge liberamente sulla stessa scala. Tre suoni che non smettono mai di cullarci e di stupirci per la loro dolcezza.

http://www.debaser.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...