Di fronte alle autorità costituite

Dialoghi in cattedrale a Reggio Emilia – Giancarlo Bregantini e Giuseppe de Rita

Bregantini – La situazione della Chiesa oggi… se leggete i primi 3 capitoli di Rm, si diceva già. Tutti hanno peccato. Ma sono stati gratuitamente salvati. / Il punto è contrapporre elementi positivi alla realtà negativa. Dove ci sono più problemi, là sovrabbonda la grazia. Non ti scoraggiare. / L’autorità viene da Dio… allora è Dio stesso che la verifica. / Obbedire non significa non contestare. Occorre dire le cose chiare e rispettare insieme. / Lottare sempre, però mai contro.

De RitaUna comunità vive di decisioni partecipate. Le decisioni o sono partecipate o non sono. / Le forme con cui la società vive sono più importanti dei contenuti, il processo è quello che conta.

Bregantini – Un santo dell’800 diceva che “Dio guarda gli avverbi, non i verbi“… guarda più lo stile di come fai le cose, che le cose che fai. / Chi sta bene non vuole cambiare niente, è perché soffri che vuoi cambiare. Politica è sortire insieme dai problemi. / “Posso fare senza di te” non è l’ottica cristiana, che invece dice “Mai senza l’altro“. / Mai chiedere per favore, ciò che ci spetta per diritto. / 3 cose da fare: abituare molto al gusto del bello, dare dignità ai giovani attraverso il lavoro, puntare sul legame che si crea tra i buoni.

De Rita – La Chiesa? Il papa sofferente in questo tempo… io, se fossi papa, almeno 10 persone lì le cambierei. Ma come?! Il cerimoniere del papa, che gli toglie il cappellino tutti i giorni… voleva comprare la villa di Sofia Loren per farci un’associazione massonica? Ma ci vuole un colpo in testa…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...