Vienna e i bar senza bancone…

Di ritorno da Vienna, dove l’Avvento è una cosa seria… e se anche non mi avessero cancellato il volo e dirottato su Milano, sarebbe stato altrettanto bello direi. Comunque il punto non è la sacher, il Café centrale, il duomo, Mozart, l’impero o le magnifiche luminarie… e nemmeno il punch dei mercatini di avvento… il punto è che i bar (anche se non è corretto chiamare così le sale da caffé) non hanno il bancone.

… e allora ti rendi conto di quanto un’abitudine scontata e antropologicamente primaria come “entrare in un bar a prendere un caffé“… non sia poi una cosa così semplice e banale. Prova tu, a entrare in un bar che non ha il bancone… dove vai a ordinare il caffé? Verso dove guardi? Dove ti dirigi? E la sicurezza dei tuoi gesti naturali verso l’aroma fragrante che così bene conosci… non trova più spazio…

Ti viene in contro la cameriera e ti chiede “Il caffé lo porta via? Lo beve in piedi? O si siede?“… e così un po’ interdetto… cominci a pensare che mai ti porteresti in giro un caffé (perché tu hai in mente la tazzina che si vuota in due sorsi, la cameriera il mezzo litro di acqua scura), che non ti volevi sedere e quindi dici… “Lo bevo in piedi”. Allora sei scortato ai tavolini alti, per persone che bevono in piedi, e sei servito come fossi seduto: caffé, bicchier d’acqua e biscottino… comodamente a 1.80 €. Ambiente aristocratico e pianista che suona arie classiche… mica male ovvio… ma il caffé è un’altra cosa. E i gesti che lo circondano, pure. Buon Avvento…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...