Il cigno nero

Una tensione pazzesca. Oscar a Natalie, Nina. Passioni contrastanti, dirompenti. Desiderio di avere tutto sotto controllo di sè, ma talmente impossibile da perdere il legame con la realtà e sconfinare nell’allucinazione.

Vibrante tensione dell’incompleto, che resta tale nella bellezza mai compiuta. Solo nella morte il cigno si sublima, la forma raggiunge la perfezione e la quiete scende, ma è la morte.

Tu sola sei ostacolo al tuo successo, dice il maestro Vincent Cassel… a sottolineare quanto a volte siamo di ingombro a noi stessi. La domanda che si porta con sè la penna nera dei titoli di coda è se tutto il percorso del cigno sia valso quell’attimo mortale e mortifero… o se quell’attimo non fosse altro che il canto del cigno, ossia un’elegante resa a una vita che ci si è lasciati sfuggire di mano…

Teso, violento, disciplinato, folle, bianco, nero…

Annunci

One thought on “Il cigno nero

  1. Be Orla, una descrizione perfetta!!!
    Tensione dall’inizio alla fine del film…
    Veramente bello, e profondo.
    Film da rivedere!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...