Principio primo è l’acqua

apneaJaisalmer 21/08/13

Oggi ci prendiamo un guida, dalla casta dei brahamini, fa la guida con inglese e italiano e ha un negozio di sciarpe in un cui ovviamente ci fa sostare, effettivamente una meraviglia cromatica… e suo fratello serve ottimo chai.

Qui non piove, qui può non-piovere anche per anni. La città è gialla, gialla per via della pietra in cui sono costruite le case e le mura, le haveli e la luce. Sembra un piccolo borgo, quasi medioevale. Dal relax della cena facciamo il punto sulle meraviglie che abbiamo cercato di vendere alla Giò, come un vaso di pandora:

  • Il negozio di sabbia per acquari
  • Il ghiaccio tetraedrico con annessa macchina tritaghiaccio ICE2000, la migliore sul mercato, usata in tutti i bar del milanese
  • L’amuchina ricettacolo di batteri, molto meglio disinfettarsi o sterilizzarsi col fuoco a fiamma viva
  • Ecc ecc

Insomma evviva il merluzzo nano albino di Carlo morto per l’errata ossigenazione dell’acqua. E giungiamo così all’avventura di Erry il risorto.

Fa caldo, ci perdiamo tra i vicoli dopo la visita al forte e rientriamo al palazzo per un tuffo in piscina. Pluf. Erry propone una prova di vasche in apnea, ne fa due e mezzo, Walter ne fa tre piene, io tre e mezzo, Erry vuole tentare il record. Una. Due. Tre. Tre e mezzo. Riaffiora verso il pelo dell’acqua, no ce ne ha ancora, torna sotto per finire la quarta vasca, sta curvando verso la scaletta però, caspita quanto fiato che ha. Ma è vivo? Abbastanza – dice Gabri – dai tiriamolo su. Non viene. Tiriamolo su! Walter balza fuori dalla vasca per tirarlo, Gabri spinge, Carlo sorregge. Incarnato dal volto violaceo, occhi sbarrati e completamente rossi. Sto per correre a chiamare non-so-chi. Walter dice che respira. Lui riprende fiato e sembra rispondere. Io e Carlo ci guardiamo, in meno di un secondo abbiamo visto il post-mortem, tutto organizzato, fatto. Si riprende. Non è morto. È vivo lo scemo. O come dice Claudio: si è reincarnato in Enrico II da Rivalta. Cazzone!!

Ed ecco che la giornata di oggi le batte tutte, qui a Jaisalmer al limitare del deserto… abbiamo vissuto il limite. Ora è una storia, la si racconta alle altre e a Chiara, col sorriso. Ma alla fine del racconto io e Carlo ci riscambiamo quello stesso sguardo. Cerchiamo un filo d’aria nella notte rilucente di luna. Buonanotte va, karma e darma, hindu e gianisti tutti.

 – – –

PS – La Clà a cena ha chiesto pollo color chicken, lo voleva alla piastra🙂.

 

One thought on “Principio primo è l’acqua

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...