Dall’alto in basso…

sucre

Giorno XVIII – Sucre – domenica

Relax a bassa quota oggi, che vuol poi dire sempre sopra ad H – 2000, ma l’aria si respira e ci ha anche concesso di compartir un Montecristo al mercato domenicale di Tarabuco. Tessitori e vecchiette millenarie vestite da inca cercano di guadagnare qualcosa turistizzandosi un po’. Un piatto di ottimo pollo fritto e buone patate a poco più di 1 €!! Al mercato alimentare, un posto ribollente colorato e invitante.

Tornati a Sucre siamo saliti al colle panoramico trovando qualche sfattone fintamente alternativo e internazionale per un panorama d’insieme al profumo di limonata. Mi sembrava di concedermi un trattamento da ricchi, pensavo ai minatori di Potosì. Questa è la città della Costituzione, si trova anche in stile bignami su qualche banchetto. Ma là i peones guadagnano circa 300-400 € al mese (che è circa il doppio di un operaio normale), cominciano verso i 15 anni e sanno che ne lavoreranno 20 per poi morire di silicosi polmonare verso i 35 come capita ai loro colleghi più grandi. Dinamite libera, vita da schiavo, Corra continua con indovinelli mortali, Ricco si è preso un cappello da Gringo, Andrea sembra un Hussein petroliere.

Cercano del personale in una polleria… perché no?!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...